VisualEditor/Portal/Why

From MediaWiki.org
Jump to navigation Jump to search
This page is a translated version of the page VisualEditor/Portal/Why and the translation is 94% complete.

Other languages:
Bahasa Indonesia • ‎Deutsch • ‎English • ‎Ido • ‎Ilokano • ‎Lëtzebuergesch • ‎Scots • ‎Zazaki • ‎azərbaycanca • ‎dansk • ‎emiliàn e rumagnòl • ‎español • ‎français • ‎føroyskt • ‎galego • ‎hrvatski • ‎italiano • ‎lietuvių • ‎magyar • ‎polski • ‎português • ‎português do Brasil • ‎suomi • ‎svenska • ‎български • ‎русский • ‎српски / srpski • ‎українська • ‎հայերեն • ‎עברית • ‎中文 • ‎日本語
Tasso di mantenimento dei nuovi utenti rispetto agli utenti attivi in riferimento alla Wikipedia in lingua inglese.


Statistiche

Il grafico soprastante mostra il tasso di mantenimento dei nuovi utenti nel tempo rispetto al numero di utenti attivi. Come si può vedere, non è un dato positivo. Wikipedia si trova al centro di una crisi che riguarda il numero di contributori. Troppi nuovi utenti si perdono e viene meno la linfa vitale di ogni progetto collaborativo, ovvero i partecipanti.

Questo significa semplicemente che mancano i contributori necessari per svolgere il lavoro previsto secondo le necessità del progetto. I log crescono e relativamente pochi utenti si trovano a dover gestire una ingente mole di attività sulle nuove pagine o nel mantenimento delle biografie di persone viventi.

La situazione stazionaria nella promozione di articoli in vetrina e di qualità è il risultato dell'insufficienza di contributori non solo nello scrivere le voci, ma anche nel revisionarle e mantenerle. Tutti hanno certamente esperienza di qualche settore nel quale lavorano, in cui è manifesta la semplice insufficienza di persone per completare il lavoro richiesto.

Il perché

Ci sono diverse ragioni alla base di questo problema. Alcuni si allontanano perché non sono intenzionati a contribuire in maniera produttiva, e questo è un dato che bisogna accettare passivamente. Altri abbandonano il progetto perché sentono la comunità ostile nei loro confronti oppure perché non trovano l'aiuto del quale hanno bisogno.

Ultimamente molti editori stanno abbandonando il progetto perché il meccanismo di modifica delle voci è troppo complesso. Nel 2001, quando è nata la Wikipedia in inglese, molti siti importanti richiedevano a chi scriveva su essi la conoscenza di un qualche linguaggio di markup, che era un requisito essenziale per tutti coloro che operavano in rete, fosse esso BBCode, markup wiki o HTML.

Il problema è che ora, nel 2013, Wikipedia è uno dei pochi siti che richiede ancora l'uso da parte dell'utente di un linguaggio di markup di una certa complessità.

Abbandonare il markup

Nel 2013, gli internauti non si aspettano di dover imparare un linguaggio di markup per poter scrivere qualcosa su un sito web. Molti visitatori arrivano su Wikipedia e, provando a contribuire, sono sorpresi da questo fatto, spesso non in maniera positiva. (We received some confirmation of that in a user test we conducted prior to the launch of VE.)

Molti utenti cominciano effettuando piccole modifiche, ma anche per questo sono obbligati ad imparare le basi del markup per poter interagire con il pannello di modifica. Questo spesso intimidisce i potenziali contributori e li porta a desistere, come mostrano i test condotti sugli utenti.

La necessità di un metodo di modifica delle voci più semplice è stato riconosciuto più volte dalla comunità, già dal 2004. Il VisualEditor è una risposta a questo problema: è una funzionalità richiesta dalla gente, ma soprattutto è una funzionalità necessaria.

La sintassi di markup wiki ha già effetti intimidatori nei confronti dei nuovi utenti, e questi effetti peggiorano con il passare del tempo. Se non si agisce fornendo un nuovo sistema di modifica più semplice per i nuovi utenti, le statistiche potrebbero peggiorare in maniera significativa nei prossimi cinque anni.

Non ci aspettiamo che tutti debbano usarlo (l'editor del codice sorgente rimarrà a disposizione) e non ci aspettiamo nemmeno che tutti siano convinti delle scelte da portare avanti. Ma siamo determinati a fare un buon lavoro e a dimostrare quale sarà l'impatto di questo software, tramite i test sugli utenti e le statistiche.